Accettazione radicale: Cos'è e cosa offre l'accettazione radicale

Accettazione radicale: Cos'è e cosa offre l'accettazione radicale
Consapevolezza L'empatia Risveglio Sollievo dallo stress

La maggior parte di noi è costantemente stressata da eventi spiacevoli, ansia e cattive notizie. L'accettazione radicale è la volontà di accettare se stessi e la vita così come sono. Un momento di accettazione radicale è la vera libertà.

L'idea dell'accettazione radicale è stata promossa da quasi 20 anni da Tara Brach, psicologa e insegnante di meditazione. In un'intervista a Mashable, descrive l'idea come la volontà di "vedere se stessi e la vita così come sono". La psicologa ha scritto un libro su questo concetto: "Accettazione radicale. Come guarire dai traumi psicologici e guardare la propria vita con l'occhio di Buddha".

Come arrivare all'accettazione radicale

Brah divide l'accettazione radicale in due parti:

  1. Consapevolezza. La capacità di riconoscere ciò che accade dentro di sé, osservando e fissando ogni emozione che emerge.
  2. L'empatia. Avvicinarsi alle proprie emozioni con simpatia, non rimproverandosi per esse, ma cercando di individuarne le ragioni.

Dopo aver superato queste due fasi, secondo Brah, ci si dovrebbe chiedere: "Posso guardare con calma ciò che sta accadendo e accettarlo?". Vale la pena essere onesti con se stessi: la risposta non sarà necessariamente positiva. In queste circostanze, si accetta che non si è ancora pronti ad affrontare il problema. Bisogna prima viverlo.

Perché l'accettazione radicale aiuta

Uno psicologo ritiene che questa pratica possa far passare il corpo di una persona dalla modalità "colpisci o scappa", in cui gli ormoni dello stress prodotti fanno passare il cervello alla modalità di autoconservazione. Questa reazione evolutiva svolge un ruolo importante nella vita.

Tuttavia, se non viene controllata, può portare a prendere molte decisioni sconsiderate "per emozione". Inoltre, lo stress costante può causare problemi di sonno, cattiva salute e un deterioramento della salute mentale. L'accettazione radicale può far uscire una persona dalla trappola della negatività costante.

Terapia dialettico-comportamentale

La terapia dialettico-comportamentale (DBT) è un modello di aiuto compassionevole e comprovato. La DBT è un sistema completo di terapia cognitivo-comportamentale progettato per trattare disturbi di personalità e comportamentali complessi e difficili da trattare.

Ad esempio, ai clienti della DBT viene insegnato come praticare la tolleranza al disagio attraverso l'accettazione consapevole delle proprie emozioni e dei propri pensieri, invece di cercare di sopprimerli. In questo modo, imparano a riconoscere e comprendere le ragioni delle loro reazioni emotive, il che consente loro di prendere decisioni e scelte migliori.

Come praticare l'accettazione radicale

Non si tratta di un'abilità facile, non si può imparare in cinque minuti con un'istruzione. La capacità di accettazione deve essere sviluppata, a volte per tutta la vita. Ma la buona notizia è che migliorerete di volta in volta. Ecco alcune linee guida per aiutarvi a farlo.

  1. Imparare la consapevolezza

Il primo passo verso l'accettazione è la consapevolezza di ciò che vi sta accadendo, delle vostre emozioni, delle loro cause e degli eventi che le influenzano.

Se siete sopraffatti da un'esperienza difficile, dovete innanzitutto identificare e dare un nome alle emozioni specifiche del groviglio: rabbia, tristezza, dolore, perdita, paura, tristezza. Poi rintracciate il motivo per cui sono sorte, quali pensieri ed eventi le hanno scatenate.

  1. Riconoscere che la situazione è fuori dal proprio controllo.

Quello che è successo è successo. Non è in vostro potere riavvolgere il nastro e cambiare le cose.

  1. Immaginate di aver già raggiunto l'accettazione

Che cosa fate? Che aspetto ha la vostra vita? State meglio di come state ora, con sentimenti di ingiustizia e autocommiserazione che vi opprimono? Provate questa condizione su voi stessi.

  1. Fare un piano d'azione

Se c'è qualcosa che potete fare, fatelo. Certo, non si può tornare indietro, ma ci si può distrarre o addolcire in qualche modo la situazione.

pillola.

  1. Meditare

Non è necessario farlo per molto tempo o imporsi delle regole. Basta sedersi con la schiena dritta, coprire gli occhi e concentrarsi sul respiro. Non cercate di fermare i pensieri, ma tornate delicatamente a concentrarvi sul respiro ogni volta.

L'accettazione radicale è la volontà di accettare se stessi e la vita così come sono. Un momento di accettazione radicale è la vera libertà.